Seleziona una pagina

riscaldatori elettrici settore miele

Il lavoro per la produzione del miele ha un processo complesso che inizia nel mese di febbraio, quando , le api nelle prime belle giornate riprendono la loro attività.
A fine fioritura si effettua la prima smielatura. Ciò avviene quando le api hanno provveduto ad opercolare il miele ossia a chiudere le cellette con uno strato di cera.

La prima operazione è quella di allontanare  le api dai melari. I melari contenenti i favi di miele, vengono poi trasportati nei laboratori dove, entro 24 ore, è necessario  provvedere alla smielatura.
Essa a consiste nel disopercolare i favi di miele. Le api infatti chiudono con un opercolo di cera le celle contenenti il miele maturo ed è quindi necessario togliere gli opercoli per poter estrarre il miele dai favi.
Liberati i favi dagli opercoli  si inserisco i telaini nello smelatore che in sostanza è una centrifuga di acciaio inox. La forza centrifuga estrae dai favi il miele.
Dal rubinetto situato sotto lo smelatore finalmente colerà il miele.

Il miele viene depositato in dei contenitori di acciaio inox per un periodo tra i 15 e i 30 giorni a secondo della sua densità. Durante tale periodo la cera salirà a galla separandosi dal miele. Successivamente il miele verrà invasettato.

E’ normalmente il questa operazione che vengono utilizzati i nostri riscaldatori per il miele. Espressamente studiati per lavorare nel miele rendendolo più fluido permettendo di invasettarlo.

I riscaldatori per il miele della ELMITI, sono forniti in due modelli a seconda della grandezza dei contenitori in acciaio nei quali è depositato il prodotto. La tecnologia utilizzata permette i non rovinare il prodotto e di lavorarlo agevolmente

Se volete avere ulteriori informazioni sui riscaldatori per il miele della ELMITI contattateci.

Chiusi per ferie estive dal 31 Luglio al 27 Agosto compresi